News IT/EN

Giù le mani dai vecchi. Non siamo tutti fragili

Lunga Vita Attiva ha rivolto un appello al Presidente del Consiglio per esprimere il nostro dissenso all’ipotesi di proteggere gli anziani “tenendoli” ancora in casa. La petizione è stata lanciata su change.org e, ad ha raggiunto 2500 firme. Potete sottoscrivere al seguente link: http://chng.it/wQGNrTLt

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri

prof. avv. Giuseppe Conte

“Giù le mani dai vecchi”. Non siamo tutti fragili.

Eppure serpeggia, in questi giorni, l’idea di “proteggere gli anziani”, dal Covid-19, costringendoli a casa anche dopo le prevedibili riaperture, quando ci sarà una mobilità più sicura e controllata, con le necessarie precauzioni e il mantenimento della distanza sociale (Fase 2). La reclusione prolungata sarebbe un grave errore, frutto di antichi pregiudizi sui “vecchi” e non di una valutazione articolata.

Nel minestrone dei numeri, cucinato da cuochi spesso maldestri, si fa fatica a distinguere i fatti dalle illusioni ottiche mediatiche, e allora, prima di prendere decisioni, si deve approfondire.

La Protezione civile certifica che -sul campione analizzato- l’età mediana delle vittime è di 80 anni, ma –attenzione- nel 96,4% dei casi le vittime avevano già una o più patologie pregresse.

La quasi totalità delle vittime sono “grandi vecchi”, quasi sempre malati in modo piuttosto grave (il 61,3% aveva tre o più patologie preesistenti). Un gran numero di morti per o con il Covid-19, purtroppo, è avvenuto nelle RSA, dove anziani -davvero fragili- non sono stati protetti e sono stati esposti al virus. Pensare, però, che tutti gli “anziani” siano aprioristicamente “fragili”, è profondamente sbagliato, ingiusto e dannoso, per tutta la società.

Gli over 65, e in particolare gli over70, appartengono alla generazione dei “baby boomers”.

Siamo stati –grazie ai nostri genitori, che hanno ricostruito l’Italia e l’Europa- una generazione fortunata. Abbiamo vissuto una lunga stagione di pace, abbiamo studiato e avuto alimentazione e medicine adeguate, abbiamo lavorato, fatto crescere figli e nipoti, siamo stati curiosi e vitali e lo siamo ancora.

Condannarci a una ulteriore reclusione, all’immobilità e a una socialità solo virtuale, sarebbe ingiusto e sbagliato, anche a livello costituzionale, visto che l’art. 3 della nostra Carta vieta qualsiasi discriminazione in base alle “condizioni sociali e personali”.

Siamo stati una risorsa per il paese e lo siamo ancora.

Invece che condannarci alla reclusione, si protegga chi è davvero fragile, si individui chi è infettivo, anche se asintomatico, e si diano a tutti indicazioni ragionevoli ed applicabili per una mobilità sicura e responsabile. Noi saremo i primi a dare il buon esempio. Gli anziani, in Italia, sono milioni, spesso attivi e vitali, fanno cultura, movimento e spesso sport, a livello amatoriale ed agonistico, come migliaia di “master” che corrono, vanno in bicicletta, giocano a tennis, nuotano. Molti “anziani” si allenano a una “lunga vita attiva”, che allontana la fragilità, migliora la qualità della vita ed evita -quanto più possibile- di pesare su sanità ed assistenza.

Non siamo (tutti) fragili.

primi proponenti

Ariella Cuk, presidente associazione “Lunga Vita Attiva”

Franco Del Campo, docente di filosofia, due volte finalista olimpico, Città del Messico (1968)

 

PILLOLE DI LUNGA VITA 2020

Ciclo di conferenze per allenarsi ad un lungo futuro

Mercoledì 5 febbraio 2020  riprendono “le pillole” –  un ciclo di incontri  dedicati quest’anno al tema dell’acqua. Partiremo con un tema che riguarda tutti: le conseguenze ed i rimedi all’innalzamento del mare, per poi scoprire l’importanza dell’acqua nell’ armonia delle  nostre case e nell’equilibrio del nostro corpo. Concluderemo infine con la scoperta di un altro sport d’acqua: il canotaggio, da praticare all’aria aperta, immersi nella quiete e solitudine del mare.

5 Febbraio – Siamo con l’acqua alla gola? Rischi e rimedi all’innalzamento del livello del mare, Cristina Pedicchio, Former President e Paola Del Negro, Direttore Generale OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia Geofisica Sperimentale)

4 Marzo – L’Acqua nel  Feng Shui, l’antica sapienza cinese per portare benessere e armonia nelle nostre case. Luisa Serra,  consulente Home Therapy

8 Aprile – L’Acqua, componente fondamentale del corpo e della pelle, per individuare sintomi e rimedi alla disidratazione, Luisa Dri Esperta del settore estetico e beauty trainer 

13 Maggio – Non solo nuoto: viaggio nel canottaggio che cambia, Fabio Bolcic, Arbitro internazionale della Federazione Italiana Canottaggio                 

CYCLE OF LECTURES TO “TRAIN” FOR A LONG FUTURE

Wednesday 5th  February 2020  in the H2Openspace of Bruno Bianchi Swimming Pool” Lunga Vita Attiva presents its “pills”. This year the lectures are focused on water. The first conference is on the consequences and remedies to the rise of the Mediterrean Sea, the second lecture focuses on the importance of water in fen shui and the balance it gives to our body. The cycle of talks will be concluded with the introduction to  rowing a water sport to be enjoyed in the open air, in the quiet and silence of open sea.

Febrary 5th  – Are we with water in our throught? Risks and remedies to sea level rise, Cristina Pedicchio, Former President e Paola Del Negro, General Director OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia Geofisica Sperimentale)

March 4th  – Water and  Feng Shui. Luisa Serra,  Home Therapy consultant

April 8th  – Water,  a basic component of our body and skin,  Luisa Dri Esperta beauty trainer 

May 13th – Not just swimming:  a journey into the pleasure of rowing , Fabio Bolcic, Internazionale referee Federazione Italiana Canottaggio      

Programma Lunga Vita Attiva 2020

LE VIE DELL’ACQUA – Momenti fluidi per “allenarsi” ad un lungo futuro

Il programma di Lunga Vita Attiva 2019-2020 è dedicato alle “Vie dell’acqua” e propone un ciclo di “momenti fluidi” che sono iniziati con il Percorso di Nuoto, in collaborazione con la FINPLUS Trieste, continueranno con le “pillole di lunga vita” e si concluderanno con un’ immersione nei bagni di sale nella Spa delle saline di Sicciole  fino alla scoperta della Riserva marina di Miramare.

Ottobre – Maggio             Percorso di Nuoto per la Lunga Vita

Febbraio – Maggio            Ciclo di Seminari Pillole di Lunga Vita

Aprile 30                             European Senior Games”  Torneo di giochi in collegamento live con i partner Belgi e Irlandesi del Progetto Europeo

Giugno 12                          Visita e Snorkeling alla Riserva Marina di Miramare

Giugno 30                           Talassoterapia alla Spa Lepa Vida nelle Saline di Sicciole 

Luglio                                   Slow Age – Science in the City Festival – ESOF 2020

Agosto 29                            H2O in Movimento per l’Age Pride 2020

 

Water Ways – Liquid moments to “train for a long future”

Lunga Vita Attiva Program 2020 is dedicated to “The Water Ways” and has listed a cycle of “fluid moments”. The program starts with the “Lifelong swimming Course” in collaboration with FINPLUS Trieste, it continues with the  “Pills of Long Active Life” and will be concluded with an immersion in the Spa of the Salina Nature Park in Sicciole  and in a snorkeling tour to discover Miramare Marina  Natural Reserve.

Ottobre – Maggio             Lifelong Swimming Course

Febbraio – Maggio            Pills of Long Active Life Seminars

Aprile 30                             European Senior Games  in connection “live” with the Belgian and Irish partners of the Erasmus Plus Sport project 

Giugno 12                           Snorkeling in the Miramare Nature Reserve 

Giugno 30                            Talassoterapy at Spa Lepa Vida in the Salina Nature park of Sicciole 

Luglio                                   Slow Age – Science in the City Festival – ESOF 2020

Agosto 29                            H2O in Movimento for Age Pride 2020

 

AGE PRIDE

L’ORGOGLIO DELL’ETA’

AGE PRIDE “l’orgoglio dell’età” è dedicato ai “nuovisenior” che affrontano la vita come un percorso di cambiamento e intendono  l’invecchiamento come uno spazio per realizzare nuovi e diversi progetti di vita.

La rivoluzione del nostro tempo è la longevità: oggi viviamo 30 anni in più dei nostri nonni, ma la società continua a vivere con il vecchio paradigma dell’età in cui la vita si divideva in nascita, età adulta e vecchiaia.  Oggi, l’età adulta si è espansa. I “baby boomers” hanno introdotto un vero e proprio cambiamento antropologico per cui definire oggi un 60 “anziano” risulta  inappropriato.

I “nuovisenior” vivono la loro età in modo assolutamente inedito rispetto alle generazioni precedenti: in Italia sono 2.400.000, hanno tra i 55 e i 75 anni, sono persone attive e dedite alla cura di sé: secondo una ricerca di “Eurisko” fanno sport, sono attenti a quello che mangiano, utilizzano le ultime tecnologie per comunicare, vanno spesso a teatro e al cinema e ad eventi culturali, hanno una vita sentimentale soddisfacente ed un rilevante potere d’acquisto.

In questa prospettiva la parola “invecchiare” non spaventa: fa parte di un processo che inizia dalla nascita e se invecchiare è un privilegio, invecchiare in salute un impegno nei confronti di noi stessi e della comunità.

Age Pride è stato annunciato durante H2O in Movimento 2019, la manifestazione nata per promuovere il valore dello stile di vita sano ed attivo per vivere a lungo in salute e quest’anno è stata dedicata all’AGE PRIDE per affermare che “nuovi senior” vivono con orgoglio la loro identità.

La vera sfida non è vivere a lungo ma vivere a lungo bene ed in salute.

AGE PRIDE 

AGE PRIDE  is meant to celebrate “new seniors” who are proud of their new age identity and face the third time of their life as a land of discovery of new experiences and projects.

The revolution of our time is longevity: we live 30 years longer than our grandparents. Nevertheless society continues to perceive ageing with the old paradigm, according to which you were born, lived adult life and then became old. Nowadays adult life has expanded. Baby boomers have introduced a real anthropological change in the way they live old age to the point that nowadays it is inappropriate to represent a 60 year old person as elder.

According to a research work by Eurisko, “newseniors” (aged between 55 and 75) live in a completely different way in comparison to the previous generations: they are active, practice sport, pay attention to their diet, communicate through technology. Go to theatre, cinema and cultural events, have a good sentimental life and a relevant purchasing power.

In this perspective ageing is part of  a process that starts with birth and if getting old is a privilege, ageing well is a commitment.

The real challenge is not to live longer but live a long active and healthy life.

PHOTOGALLERY

 

H2O in Movimento – AGE PRIDE

Sabato 24 agosto 2019 si è svolta la tradizionale manifestazione H2O in Movimento  che ha lo scopo di promuovere la cultura del movimento e i benefici del nuoto per un invecchiamento sano ed attivo. L’appuntamento alla piscina Bianchi di Trieste, organizzato dall’associazione Lunga Vita Attiva in collaborazione con Fin Plus Trieste e con la partecipazione della LILT e del Centro Cardiovascolare ASUITS. L’appuntamento è diventato ormai una tradizione iniziata con il progetto europeo promosso dalla FIN, “Life Long Swimming”, che privilegia il nuoto per la sua attività aerobica, controllata e in assenza di peso.

Quest’anno la giornata è dedicata all’ Age Pride per affermare l’orgoglio dell’età dei  “nuovi senior” che affrontano la vita come un percorso di cambiamento e intendono  l’invecchiamento come uno spazio di esplorazione dove realizzare nuove esperienze e diversi progetti di vita.

La giornata è stata strepitosa con la partecipazione di  oltre 200 persone tra pubblico e nuotatori! La manifestazione si è aperta con la sfilata delle 13 squadre iscritte alle “Staffette 400mix”:  I capitani di  ogni squadra hanno sfilato lungo i bordi della piscina sotto un bel sole di fine agosto snodando una coda di 100 persone.

Tutti poi hanno testimoniato il loro Age Pride  facendosi orgogliosamente  fotografare con  numeri argentati giganti corrispondenti alla loro età.  il numero corrispondente.

Sono poi partite le   “Staffette 400mix”, una mista e una veloce, composte da 8 partecipanti, 4 donne e 4 uomini, la cui somma delle età doveva raggiungere almeno i 400 anni complessivi che nuotano insieme in frazioni di 25 metri in successione libera tra maschi e femmine per un totale di oltre 200 partecipanti fra pubblico e nuotatori.

Il programma prevedeva il  gioco per la   “Pulizia delle acque dalla plastica” , all’insegna della sostenibilità ambientale. Ogni squadra avrebbe dovuto recuperere più velocemente possibile le bottiglie di plastica posizionate nelle corsie centrali, per poi raccoglierle in appositi contenitori da inviate alla raccolta differenziata. Il gioco purtroppo non si è potuto realizzare a causa del temporale. 

Nel pomeriggio i nuotatori hanno partecipato alla visita alla “Trieste nascosta”, quest’anno dedicata alla Kleine Berlin, un complesso di gallerie costruite dall’esercito tedesco come ricovero antiaereo durante la seconda guerra mondiale.

VIDEO

PHOTOGALLERY

H2O IN MOVIMENTO

SAVE THE DATE! 24 AGOSTO 2019

Torna il tradizionale appuntamento di H2O in Movimento, orgnaizzato in collaborazione con Fin Plus Trieste. La manifestazione ha lo scopo di promuovere la cultura del movimento e i benefici del nuoto e quest’anno è dedicata al progetto Senior for Future che invita all’impegno dei senior per il futuro dei giovani.

La piscina Bruno Bianchi si apre gratuitamente con un programma di giochi e staffette dedicato a tutti coloro che credono nel valore della lunga vita attiva e vogliono dare un contributo al futuro.

 H2O in Movimento è un festival di sport e salute per allenarsi ad un lungo futuro: il programma  prevede le “Staffette 400mix” una mista e una veloce, composte da 8 partecipanti, 4 donne e 4 uomini, la cui somma delle età deve raggiungere almeno i 400 anni complessivi che nuotano insieme in frazioni di 25 metri in successione libera M/F.

Il Punto Salute è organizzato a cura della SC Cardiovascolare- Medicina dello sport e Riabilitazione del Cardiopatico-Azienda Sanitaria Universitaria Integrata Trieste e la Lega Italiano Lotta ai Tumori (LILT) e prevede il rilevamento della pressione arteriosa ed informazioni sull’importanza del movimento.

La conclusione delle staffette è una kermesse di  “Giochi in acqua per tutti!” ed uno Spuntino in salute!

L’arte di invecchiare bene prevede un esercizio costante del corpo e della mente e lo stare con gli altri. Perciò, per mantenerci curiosi nel pomeriggio è prevista una visita alla Trieste nascosta. Quest’anno la visita è alla Kleine Berlin, un complesso di gallerie costruite dall’esercito tedesco come ricovero antiaereo durante la seconda guerra mondiale. 

La giornata si conclude con una cena conviviale per celebrare tutti insieme “un percorso di lungo futuro”.

SAVE THE DATE! 24 AGOSTO 2019

SENIOR E-GAMES

PRIMO MEETING DEL PROGETTO EUROPEO ERASMUS PLUS SPORT

Il 25 marzo 2019 abbiamo partecipato al primo meeting del progetto europeo Erasmus Plus Sport Senior E- Games, che ha lo scopo di promuovere una più vasta partecipazione delle persone “senior” all’attività fisica e sportiva.

I Senior E-Games si svolgeranno nell’aprile/maggio 2020 contemporaneamente in Italia, Belgio e Irlanda con  un collegamento in diretta.

Il meeting si è svolto a Bruxelles nella sede del partner belga OKRA SPORT con la presenza dei colleghi irlandesi di AGE AND OPPORTUNITY.

Lo scopo del meeting  era di pianificare il lavoro della partnership per il 2019: ogni partner raccoglierà  un dossier delle attività fisiche proposte nei rispettivi paesi e raccoglierà una lista di   giochi adattati che verranno condivisi con i partner. Questo materiale verrà presentato nel prossimo meeting  durante il quale sono previste due giornate di formazione in cui la partnership condividerà le proprie best practices e sceglierà i giochi che faranno parte degli Senior E games, programmati per aprile/maggio 2020.

SENIOR E-GAMES – ERASMUS PLUS FIRST MEETING OF THE EUROPEAN ERASMUS PLUS SPORT PROJECT

On March 25th 2018 we  attended the first meeting of  the Erasmus Plus Sport E-Senior Games, which has the objective of promoting  a greater participation of “senior” in sport and physical activity.

Senior E-Games  will take place in Aprile/May 2020 simultaneously in  Italy, Belgium and Ireland live feed.

The meeting was held in Brussels in the offices of our Belgian partner  OKRA SPORT  and the participation of our Irish colleagues of  AGE AND OPPORTUNITY.

The objective of the meeting was to plan the work of the partnership in 2019: each partner will collect a  dossier of physical activities and sport they deliver in the respective countries and a list of adapted sports to be shared within the partnership.

This material will be presented during the two days training sessions organised for the next meeting in Ireland.  At the second meeting  each partner will share their best practices  and games for the E-Senior Games event will be selected and prepared.

LE “PILLOLE” DI LUNGA VITA ATTIVA: SENIOR AND SOCIAL

Secondo appuntamento 13 marzo 2019

La seconda “pillola” di Lunga Vita è stata dedicata al nostro rapporto con i social media e soprattutto con Facebook ed è stata introdotta da Enrico Marchetto.

Enrico Marchetto, fondatore di Noiza ed esperto di digital marketing and Facebook ha aperto il suo interessantissimo intervento  con una provocazione: ”quando qualcosa è gratis… il prodotto sei tu”.

Ha fornito alcuni numeri sulla presenza degli italiani sui social che hanno sbalordito il pubblico presente:

33 milioni  di italiani (Circa la metà della popolazione italiana ) su una popolazione totale di circa 60 milioni di italiani hanno un account su FB; e la situazione  a Trieste è ancora più sbalorditiva: ben  150.000 persone su 230.000 abitanti, cioè circa i due terzi dei triestini  è presente sui social.

E con quanta frequenza viene visitato Facebook?  Quante volte questo pubblico apre Facebook?  I numeri sono da far paura: ogni giorno 33 milioni di italiani  controllano mediamente 14 il proprio profilo.

Chiediamoci allora  quanto  tempo si passa mediamente su FB? Sono 30 ore al mese….. il tempo che il pubblico “regala” a qualcosa che  di proprietà di Facebook.

Quindi, ogni qualvolta che pubblichiamo qualcosa su FB ci si rivolge ad un  pubblico potenziale di decine, centinaia e migliaia di persone. 

Parlare ad un pubblico così vasto è una responsabilità  che richiede consapevolezza ed attenzione.

 

Second appointment March 13th 2019

 

The second “pill” on Long Life was dedicated  to our relationship with social media

Enrico Marchetto, founder of  Noiza and  expert of Facebook and digital marketing, opened his talk with a sort of provocation: “whenever something is free …. it’s because the product is you”.

He offered some very interesting numbers on the presence of the Italians on social media.

33 million Italian (more or less half the Italian population) have a Facebook account; and the situation in Trieste  is even more surprising:  150.000 persons out of 230.000 inhabitants, that is two thirds of the local population are present on Facebook.

And how often is Facebook visited? Here numbers are really surprising:  every day 33 million Italians control 14 times (average)  their own profile. That is 30 hours per month that FB public “ give their attention away” to something that belongs to Facebook.

Therefore, whenever we post something on FB we are talking to a potential audience of hundreds and thousands of people.

Speaking to such a vast audience is a responsibility  which requires  awareness and attention.

LE “PILLOLE” DI LUNGA VITA ATTIVA: “PICCOLE FELICITA’ QUOTIDIANE”

PRIMO APPUNTAMENTO  Giovedì 28 febbraio 2019

Giovedì  28 febbraio è iniziato il ciclo d’incontri per allenarsi ad un lungo futuro  con  Franco Del Campo, giornalista e docente di filosofia. La prima “pillola” è stata dedicata alle “piccole felicità quotidiane”, che dobbiamo imparare a cogliere per vivere meglio il nostro lungo invecchiamento.

Con piacere pubblichiamo una sintesi dell’intervento di Franco Del Campo

“PICCOLE FELICITA’ ”

E se provassimo ad essere felici? almeno un po’? Sarebbe bello, quasi rivoluzionario, ma forse impossibile, perché la felicità –ci hanno detto- non è di questo mondo. La inseguiamo da millenni, ma è roba rara. Certo, i padri dell’indipendenza americana hanno proclamato tra i diritti inalienabili, la Vita, la Libertà e “la ricerca della Felicità”, ma erano una élite illuminista e adesso sono tutti morti e sepolti. Invece, forse, si può provare ad inseguire piccole felicità quotidiane, a condizione che siano davvero piccole. Però bisogna affidarsi, almeno un po’, alla Filosofia, prima che si estingua, assieme alla sorella Storia, dentro la scuola italiana e nella nostra memoria. La Filosofia ci può aiutare a vivere un po’ meglio, ma dobbiamo rinnegare la paura. Non si può essere felici, neanche un po’, se si ha paura. La paura è la principale nemica delle piccole felicità quotidiane, che possiamo regalarci se diventiamo -almeno un po’- più consapevoli di noi stessi. Anche Epicuro (IV sec. a C) diceva che non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per conoscere la felicità, a condizione di rinunciare alla paura, degli Dei, che in quanto tali si disinteressano di noi, della morte, perché quando arriva noi non ci siamo più, della sofferenza, che può essere evitata. Se vogliamo sperimentare piccole felicità quotidiane, dobbiamo conoscere noi stessi, come ci consigliava Socrate 2400 anni fa, per diventare ciò che siamo, come suggeriva quel pazzo di Nietzsche (1885). Non è roba strana o per pochi. Basta spostarci un po’ più in là, nel tempo e nello spazio, ed ascoltare i maestri zen che promettono un po’ di felicità,  ma facendo un po’ di attenzione e di esercizio per guardarci allo specchio e ri-flettere su noi stessi, con accettazione e disincanto. Quando siamo in difficoltà, fermiamoci, creiamo un momento tranquillo, “prendiamo posto” seduti al centro della nostra stanza, diventiamo consapevoli di noi stessi. Per meditare, teniamo su la testa (Paolo Rossi), la schiena dritta in una posizione “dignitosa”, con gli occhi aperti, e mettiamoci in ascolto del nostro respiro, dei rumori che ci circondano, della luce, degli odori, del nostro corpo. Anche così, forse, riusciremo ad allontanare o attenuare un po’ dolori, frustrazioni, recriminazioni, e diventare consapevoli di frammenti di verità su noi stessi, “qui ed ora”. Si può fare, se impariamo ad assaporare gli attimi, come quando ci facciamo, con movimenti lenti e misurati, un caffè, o quando ci rifacciamo il letto, stendendo bene con le mani le lenzuola che ci accoglieranno quando andremo a dormire, oppure assaporando l’aria sul viso quando camminiamo. Anzi, appena possibile, facciamoci un regalo e andiamo a camminare, per meditare, con passi lunghi e profondi, in sintonia con il nostro respiro (pneuma, anima, per i primi filosofi), impariamo a “sospendere il giudizio” (epochè, secondo gli antichi scettici). Nelle discussioni, e non solo, proviamo a “lasciare la presa” sulla nostra verità (può essere l’esercizio più difficile) per ascoltare anche gli altri. Scegliamo la pazienza quando siamo in fila, perché suonare il clacson o sbraitare non serve. Scegliamo la fiducia, salvo che non vogliano venderci il Colosseo o diamanti a poco prezzo, perché fidarsi è più comodo e conveniente nella grande maggioranza dei casi della vita. Così, forse, saremo più consapevoli, liberi dalla paura, e un po’ più felici.

 

FIRST MEETING   Thursday 28th  February 2019

The first “pill” was on Thursday 28th February: Franco Del Campo, journalist and docent of Phylosophy introduced the subject on “Little happiness of everyday life” which we should learn to appreciate to try to live a joyful ageing future.

The text of Franco Del Campo’s talk is in Italian.

 

 

 

 

 

“PILLOLE” DI LUNGA VITA – PROGRAMMA 2019

Ciclo di incontri per “allenarsi” ad un lungo futuro

Lunga Vita Attiva, con la collaborazione della Fin Plus Trieste, ripropone –da giovedì 28 febbraio 2019, presso la sala H2Openspace della Piscina “Bianchi”- un ciclo di incontri in “pillole” dedicati al tema: “Per allenarsi ad un lungo futuro”

Quest’anno le nostre “pillole” hanno l’obiettivo di riflettere su “l’invecchiamento consapevole” da vari punti di vista, dalle ragioni fisiologiche e genetiche che ci fanno invecchiare, alla scoperta delle “piccole felicità” che l’età –nonostante tutto- ci può offrire nella nostra vita quotidiana, dalla consapevolezza del perché il movimento –a determinate condizione- fa bene, alla capacità di muoverci in modo più agile nel modo dei social media, fino alla ginnastica dell’espressione.

Orario degli incontri: 17.30 – 19.00

Febbraio  28 –   Piccole Felicità  –  Franco Del Campo, giornalista e docente di filosofia

Marzo 13 –Senior & Social – Enrico Marchetto, esperto di comunicazione e social media manager, Noiza

Aprile 18 – Perché si invecchia? – Serena Zacchigna, medico e responsabile del Gruppo di Biologia Cardiovascolare, Università degli Studi di Trieste e ICGEB (International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology)

Maggio 9 – Movimento consapevole – Costanza Fabiani, medico fisiatra e Monica Fardin, insegnante di Pilates

Maggio 30 – La ginnastica dell’espressione – Luisa Dri, esperta del settore estetico e beauty trainer

 

LUNGA VITA ATTIVA “PILLS” – PROGRAM 2019

Cycle of lectures to “train” for a long future

Thursday 28th February 2019 in the H2Openspace of Bruno Bianchi Swimming Pool” Lunga Vita Attiva, in collaboration with Fin Plus Trieste presents its “pills” –  the cycle of lectures on the theme: “training for a long future”.

This year  program is  built around the concept  of “conscious ageing” considered from different point of views:  the analysis of the genetic and physiological reasons of ageing, a reflection on the “little happinesses” in everyday life;  the discovery of easy moving in the social media and the rediscovery of the importance of movement  without forgetting the value of face gym.

Lectures timetable: 17.30 – 19.00

February 28   Little Happinesses  –  Franco Del Campo, giornalista e docente di filosofia

March 13  Senior & Social – Enrico Marchetto, esperto di comunicazione e social media manager, Noiza

April 18   Why do we age? – Serena Zacchigna, medico e responsabile del Gruppo di Biologia Cardiovascolare, Università degli Studi di Trieste e ICGEB (International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology)

May 9   Conscious movement – Costanza Fabiani, medico fisiatra e Monica Fardin, insegnante di Pilates

May 30  Face gym – Luisa Dri, esperta del settore estetico e beauty trainer